Italian

 

Dal 1^ gennaio 2012 l'imposta è soppressa in quanto sostituita dall'IMU

 

  

 

L’imposta è dovuta dai soggetti che detengono un diritto reale di godimento (proprietà, usufrutto, uso ed abitazione, superficie, enfiteusi, locatario finanziario e concessionario di aree demaniali) su un bene immobile (fabbricato, terreno agricolo, area fabbricabile). Di seguito si riportano alcune informazioni utili per l’anno 2011:

Ai sensi del D.L. 93/2008 (convertito con L. 126/2008), l'abitazione principale e le sue pertinenze sono esenti dal pagamento Ici, ad esclusione degli immobili di categoria A1, A8, A9 (edifici di pregio, ville, castelli). L’esenzione è estesa anche alle seguenti situazioni equiparate alle abitazioni principali dal regolamento comunale: 1) abitazioni possedute possedute a titolo di proprietà o usufrutto da anziani e disabili ricoverati in istituto purché non locati - 2) abitazioni concesse in comodato gratuito a parenti entro il 2^ grado purché anagraficamente residenti nelle stesse.

Salvo diverse disposizioni ministeriali, rientrano anche gli immobili assimilati per legge alle abitazioni principali, vale a dire: 1) coniugi separati legalmente o divorziati non assegnatari della casa coniugale - 2) unità immobiliari di cooperative a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale dai soci assegnatari - 3) alloggi regolarmente assegnati dagli ATER.

Per le abitazioni principali che non hanno le caratteristiche di cui sopra (ad esempio quelli censiti in cat. A1, A8, A9 e soggetti iscritti AIRE) e per gli altri immobili soggetti a ICI i parametri per determinare l’imposta sono i seguenti:

 

 

 

 

 

ALIQUOTE (determinate con delibera di G.C. n. 10 del 23/01/2006, confermate con delibera di C.C. n. 4 del 16/02/2011):

 

  • abitazione principale e relative pertinenze: 4,6 per mille
  • aliquota per gli immobili soggetti agli interventi di cui all’art. 1, comma 5, L. 449/1997 (recuperi edilizi, realizzazioni di autorimesse o posti auto, utilizzo di sottotetti, ecc..): 3,5 per mille (MAX 3 anni)
  • tutte le altre fattispecie: 6,3 per mille

 

 

DETRAZIONE (determinata con delibera di G.C. n. 10 del 23/01/2006, confermata con delibera di C.C. n. 4 del 16/02/2011):

 

  • ordinaria: € 120
  • elevata a € 250 per l’unita’ immobiliare adibita ad abitazione principale a favore dei soggetti passivi titolari, al 1^ gennaio dell’anno di riferimento, della sola pensione minima o altro assegno previdenziale/assistenziale di importo pari o inferiore, nel rispetto dei seguenti requisiti:
  • essere proprietario della sola unità immobiliare adibita ad abitazione principale, incluse le eventuali pertinenze;
  • nuclei familiari composti da soli pensionati titolari di trattamento pensionistico minimo ed eventuali altri familiari con reddito soggetto ad IRPEF non superiore al suddetto trattamento minimo;
  • soggetti passivi che, pur non avendo raggiunto l’età pensionabile, risultano essere permanentemente o totalmente inabili al lavoro e titolari di pensione o assegno assistenziale non superiore al suddetto trattamento minimo.

 

 

ABITAZIONE PRINCIPALE:

 

Per “abitazione principale” si intende l’unità immobiliare (posseduta a titolo di proprietà, usufrutto, diritto di abitazione) dove il soggetto passivo ha la residenza anagrafica. Dal 2009 la disciplina dell’abitazione principale viene estesa anche al coniuge che, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio non risulta assegnatario della casa coniugale a condizione che lo stesso risieda o in altro Comune o nel Comune di Zoppola in unità abitativa che non sia di sua proprietà.

Sono, inoltre, assimilate ad “abitazioni principali” (con applicazione dell’aliquota agevolata e relativa detrazione deliberate dal Comune):

  • l’unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata.
  • l’unità immobiliare concessa in comodato gratuito a parenti in linea retta o collaterale entro il 2° grado, purché anagraficamente residenti nelle stesse. La concessione in uso gratuito deve risultare da apposita autocertificazione e da regolare dichiarazione ICI. In caso di utilizzo dell’unità immobiliare da parte di uno o più dei contitolari, la detrazione d’imposta spetterà unicamente ai contitolari utilizzatori. In nessun caso la detrazione d’imposta per ciascuna unità immobiliare potrà superare l’importo massimo stabilito.

 

  

DICHIARAZIONE:

 

E’ SOPPRESSO L’OBBLIGO DELLA DICHIARAZIONE QUANDO LE VARIAZIONI RILEVANTI AI FINI DELL’IMPOSTA DIPENDANO DA ATTI PER I QUALI SONO APPLICABILI LE PROCEDURE TELEMATICHE PREVISTE DALL’ART. 3-BIS DEL D.LGS. 463/1997 CONCERNENTE LA DISCIPLINA DEL MODELLO UNICO INFORMATICO (per esempio: variazioni di titolarità, quote di possesso, dati identificativi di fabbricati e terreni, con esclusione delle aree fabbricabili, derivanti da contratti o successioni).

L’OBBLIGO RIMANE QUANDO SI VUOL FAR VALERE IL DIRITTO AD UN’AGEVOLAZIONE (abitazione principale - comodato gratuito - individuazione immobili di pertinenza - ecc.), AD UNA RIDUZIONE D’IMPOSTA (fabbricati inagibili o inabitabili - terreni agricoli posseduti da imprenditori), AD UN’ESENZIONE (“orticelli” ecc.) E NEI CASI IN CUI GLI ELEMENTI RILEVANTI PER IL TRIBUTO DIPENDANO DA ATTI PER I QUALI NON SONO APPLICABILI LE PROCEDURE TELEMATICHE.

ATTENZIONE: agevolazioni, riduzioni, esenzioni e, in ogni caso, situazioni che comportino la determinazioni dell’imposta in misura inferiore all’ordinario, possono essere riconosciute dall’Ente Impositore esclusivamente a partire dall’anno per il quale viene prodotta la relativa dichiarazione.

La dichiarazione di variazione, redatta su modello tipo ministeriale in distribuzione presso l’Ufficio Tributi del Comune di Zoppola, deve essere presentata entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi (direttamente o con raccomandata semplice).

 


VERSAMENTI:

Acconto entro il 16 giugno - Saldo dal 1^ al 16 dicembre

 

 

MODALITÀ DI PAGAMENTO:

 

- mediante il modello di pagamento unificato F24 utilizzando i seguenti codici:

Codice Comune: M190

Imposta Comunale sugli Immobili - Abitazione Principale:                           Codice Tributo 3901

Imposta Comunale sugli Immobili - Terreni Agricoli:                                   Codice Tributo 3902

Imposta Comunale sugli Immobili - Aree Fabbricabili:                                 Codice Tributo 3903

Imposta Comunale sugli Immobili - Altri fabbricati:                                    Codice Tributo 3904

Per maggiori informazioni clicca su questo link.

 

- utilizzando il bollettino postale approvato con Decreto 10/12/2001 intestato a: EQUITALIAFRIULIVENEZIAGIULIA S.P.A. ZOPPOLA-PN-ICI C/C POSTALE N. 88706692;

 

- utilizzando il servizio di pagamento ICI ON-LINE che è a disposizione degli utenti sul sito internet www.equitaliafriuliveneziagiulia.it (selezionare "Paga on line" e leggere le istruzioni)

Tale strumento permette al contribuente, anche residente all’estero, di effettuare il pagamento dell’imposta senza necessità di spostarsi dal proprio domicilio o dalla postazione di lavoro collegata alla rete Internet.

Il servizio richiede la registrazione del contribuente e permette il pagamento on-line con carta di credito o addebito bancario tramite RID/Bonifico.

Le carte di credito autorizzate sono: VISA (escluso Visa Electron), MASTERCARD, DINERS, AMERICAN EXPRESS.

L’invio delle quietanza di pagamento avviene gratuitamente tramite e-mail oppure con addebito di € 0,52 tramite postel.

 

Qualora l’imposta annua sia uguale o inferiore a Euro 10,00 i versamenti non sono dovuti.

 

 

AVVERTENZE UTILI:

  • Una nuova costruzione diviene "fabbricato" ai fini ICI dalla data di accatastamento o da quella di utilizzo effettivo se precedente.
  • L’assegnazione di un immobile con comodato gratuito comporta l’obbligo della dichiarazione che dovrà contenere i seguenti elementi:
  1. Individuazione delle unità immobiliari titolari dell’agevolazione;
  2. Indicazione, nella casella 15, del numero di mesi per i quali si ha diritto all’agevolazione;
  3. Apposizione, nella sezione Annotazioni, della dicitura "Abitazione principale - art. 4 Regolamento comunale". Si chiede inoltre di allegare in copia il contratto ove esistente oppure la prescritta dichiarazione (è possibile scaricarne il fac-simile dal sito).
  • L’avvio degli interventi di cui all’art. 1, comma 5, L. 449/1997 sopra descritti comporta l’obbligo della dichiarazione che dovrà contenere i seguenti elementi:
  1. Individuazione delle unità immobiliari titolari dell’agevolazione;
  2. Indicazione, nella casella 16, del numero di mesi per i quali si ha diritto all’agevolazione;
  3. Apposizione, nella sezione Annotazioni, della dicitura "Interventi di cui all’art. 1, comma 5, L. 449/1997.

 

 

 

AREE FABBRICABILI:

Ai sensi dell’art. 36, comma 2, del D.L. 223/2006 (convertito con L. 248/2006) “un’area è da considerare fabbricabile se utilizzabile a scopo edificatorio in base allo strumento urbanistico generale adottato dal comune, indipendentemente dall’approvazione della regione e dall’adozione di strumenti attuativi del medesimo”. Con deliberazione di Giunta Comunale n. 2 dell’11/01/2010 sono stati aggiornati i valori di riferimento per le aree edificabili. La relativa tabella è disponibile nei documenti sotto riportati. 

 

  

 

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE:

È possibile visualizzare online le tavole grafiche del Piano Regolatore Generale Comunale (P.R.G.C.) al seguente indirizzo: http://www.comune.zoppola.pn.it/index.php?id=3508.

 

 

 

MODELLO DI DICHIARAZIONE ICI:

A questo indirizzo: http://www.finanze.gov.it/export/download/agenzie_fiscali/Modello.pdf è disponibile il modello (approvato con Decreto in data 12/05/2009 del Direttore Generale delle Finanze, pubblicato in G.U. n. 113 del 18/05/2009) utile a trasmettere al Comune di Zoppola la dichiarazione ICI.

All'indirizzo: http://www.finanze.gov.it/export/download/agenzie_fiscali/Istruzioni.pdf sono disponibili le istruzioni per la compilazione del succitato modello.