Italian

Sospiri, un amore di contrabbando [Fila a Teatro 2018 - 2019]

giovedì, 21 febbraio 2019

 

 

Nell'ambito della rassegna

Fila a Teatro 2018 - 2019

 

SOSPIRI, UN AMORE DI CONTRABBANDO

 

 

 

 

 

 

 

giovedì 21 febbraio 2019, ore 21:00

 

Auditorium comunale

via L. da Vinci, Zoppola

 

 

 

Compagnia Lume (Lombardia)

di e con Gabriele Genovese

regia e scenografia di Elisabetta Carosio

 

 

 

A quale velocità viaggia l’amore? A quale velocità viaggia una macchina di contrabbandieri?

Molto veloce… e forse l’amore è una merce

di contrabbando, è qualcosa da nascondere, qualcosa di vietato, specialmente se gli oggetti cui si rivolge amore non sono oggetti canonici, ma oggetti carichi di quella diversità e di quella straordinarietà che è propria del sogno.

"Mimì tussi tussi" vive nella Brindisi degli anni 80, centro di grande smistamento delle "bionde", le sigarette di contrabbando che dal Montenegro raggiungevano l’Italia, prima che una famosa operazione di polizia, l’operazione Primavera, ponesse fine a un commercio su cui si basava l’economia di interi quartieri, di intere famiglie. Mimì non è un contrabbandiere qualunque, lui guida l'alfetta meglio di tutti gli altri, veloce e sicuro. Tutto il tempo che non passa a guidare Mimì lo passa tra casa di sua madre e la spiaggia.

Passa così tanto tempo in spiaggia che gli è venuta una tosse che non passa più e così il suo soprannome è stato cambiato: da "Mimì fuci fuci" (fuggi fuggi) è diventato "Mimì tussi tussi". Alcuni dicono che è "nu poco scemo" perchè "va credendo alle sirene", ma Mimì non è scemo: lui ha visto e sa cose che chi non ha visto non può capire. Lui è stato amato e attende il ritorno della sua sirena. Per anni attende, ma un giorno decide di fare qualcosa che cambierà il corso di molte vite. Amori giudicati impossibili, impropri, mostruosi, ridicoli e magici popolano questo mondo di persone che non hanno niente da perdere e l’amore domina tutto come una forza misteriosa.

 

 

 

Per informazioni:

 

Associazione Culturale "Molino Rosenkranz"

 

e.mail: mr@molinorosenkranz.it